Alto Adige Doc Moscato giallo

Nella versione secca questo vino ha nota aromatica, esplosiva al naso, stemperata dalla sua ottima struttura acida e dalla freschezza sostenuta dai richiami esotici di sottofondo.

Ottimo è l’abbinamento con il Castelspeck.
Lo Speck è legato per tradizione al Trentino Alto Adige e le prime testimonianze storiche sulla sua produzione risalgono ai primi del ‘300, anche se originariamente veniva chiamato con la dizione tedesca di “bachen”.
Castelspeck, lo speck di Levoni si caratterizza per la ricetta esclusiva perfezionata negli anni ‘50. E’ ottenuto da cosce rifilate a regola d’arte, salate e aromatizzate con aglio, pepe, bacche di ginepro, noce moscata e altre spezie ed erbe aromatiche. La delicata affumicatura naturale e la paziente stagionatura – non meno di 4-5 mesi – si sommano per donare un sapore vellutato ed equilibrato, dolce e delicatamente aromatico.
La particolarità di questo speck è la presenza della fesa che permette di ricavare fette piuttosto alte. Versatile ingrediente in cucina, si presta a tante preparazioni, ma l’abbinamento migliore per valorizzarlo è il più semplice: fette di pane nero, a piacere leggermente imburrate. CastelSpeck è senza glutine e lattosio.


Il prodotto
Castelspeck

Castelspeck

continua