testata_filiera_prod

La filiera produttiva

Cosa c’è dietro le “tre fette di salame”?

Controllo della filiera, selezione delle razze, ricette antiche ed una scelta maniacale degli ingredienti e dei “ritmi” naturali. La sfida di Levoni è quella di combinare le garanzie e gli standard di sicurezza dei sistemi industriali con l’accuratezza e l’attenzione al prodotto tipiche del processo artigianale. La trasformazione del suino è solo l’ultimo anello di una filiera produttiva che inizia con lo studio della razza migliore, reso possibile dalla nascita, più di 50 anni fa con il socio Sereni, di una struttura di eccellenza nella quale viene analizzata la genetica degli animali per garantire la qualità dei riproduttori e dei suinetti, ma anche l’alimentazione e l’ambiente di crescita.

Non meno importante è la fase di macellazione, che Levoni affida al suo macello Mec Carni, uno dei più moderni centri in questo settore, in cui ogni settimana transitano circa 13mila capi, il 30 percento dei quali destinati proprio alla Levoni.

Anche la cura nella scelta e nel dosaggio degli ingredienti è un autentico fiore all’occhiello della produzione Levoni. Spezie ed erbe vengono macinate o lavorate in azienda subito prima di essere aggiunte all’impasto. Ogni prodotto, infine, rispetta tempistiche di cottura, affumicatura e stagionatura ben precise. Per un risultato finale di qualità impeccabile.